38° Parallelo, tra libri e cantine

Caricamento Eventi
RAMIN BAHRAMI. Oltre il presente: la visione di Bach

Il 15 maggio, alle 21.00 al Teatro Comunale E.”sollima” di Marsala, Ramin Bahrami, virtuoso pianista iraniano noto per la sua appassionata dedizione a Johann Sebastian Bach, e Stefano Valanzuolo, carismatico critico musicale e voce di Rai Radio3, saranno i protagonisti di un evento unico nel suo genere.
🎹 Bahrami, cresciuto in Iran sotto il divieto della musica, ha trovato in Bach un rifugio e una missione di vita.
🎤 Valanzuolo, direttore responsabile della rivista Live e conduttore di Radio3 Suite, è un esperto nel trasmettere la passione musicale attraverso le sue parole.
🎫  BIGLIETTI
– in vendita online su Tickettando: https://tickettando.organizzatori.18tickets.it/film/32940
– prevendita a Marsala sarà presso I Viaggi Dello Stagnone – Agenzia di viaggi (info: 0923956105).

 

Toomaj Salehi

Prima dell’inizio della conversazione musicale tra il virtuoso pianista Ramin Bahrami e il carismatico critico musicale Stefano Valanzuolo, il palco sarà preludio a un momento di profonda riflessione e solidarietà. Questo momento speciale sarà dedicato a Toomaj Salehi, un rapper iraniano condannato a morte per aver osato esprimere la sua arte e le sue opinioni contro il regime.

“Il crimine di qualcuno è stato  aver danzato con i capelli al vento. Il crimine di qualcun altro è stato di essere stato coraggioso e aver mosso delle critiche. Arriverà il giorno in cui vi attaccherete a vicenda” – Toomaj Salehi

In un atto di solidarietà e sostegno, ci immergeremo nella musica di Salehi, un’arte di resistenza contro l’oppressione. Attraverso le sue note e le Variazioni Goldberg di Bahrami, Antony Mannone, noto come “COOLBROS“, insieme a Piero Scevola, trasformerà l’atmosfera, offrendo un’esperienza sonora che risuonerà nell’animo di tutti i presenti. Adottiamo Toomaj e la sua Musica, per rendere meno distopico questo tempo.

Antony Mannone

Antony Mannone, meglio conosciuto come “COOLBROS”, ha iniziato il suo percorso nel mondo della musica nel 2010 nei locali e discoteche della provincia trapanese. La sua passione lo ha spinto a organizzare serate ed eventi di grande successo. Oggi, insieme ai suoi compagni Giancarlo Mannone e Piero Scevola, forma il trio “COOLBROS”, i cui dischi vengono apprezzati e suonati dai migliori DJ in tutto il mondo.

Pietro Scevola

Piero Scevola, nato il 7 ottobre 1989 a Marsala, è cresciuto in un ambiente familiare intriso di musica, dove ha coltivato la sua passione fin da giovane. Da allora, ha perfezionato le sue tecniche di produzione musicale e ha prodotto dischi per varie etichette discografiche internazionali, dimostrando una costante ricerca di miglioramento e crescita artistica. La sua filosofia è incanalata nel superamento continuo degli obiettivi, alimentando così una carriera in costante evoluzione e successo.

________
Un progetto realizzato da 38 Parallelo – tra libri e cantine in collaborazione con CALMA Management
Patrocinio: Città di Marsala
Partner: BPER Banca, Farmacia Giammarinaro
Media Partner: TP24 – Il territorio in diretta, RMC 101

I protagonisti

Ramin Bahrami

Ramin Bahrami scompone la musica di Bach e la ricompone in modi che risentono di un modello, Glenn Gould, senza veramente assomigliare al modello. Io gli ho insegnato a sopportare il morso, ma non l’ho domato; e spero che continui ad essere com’è”             (Piero Rattalino)

La ricerca interpretativa del pianista iraniano è rivolta alla monumentale produzione tastieristica di Johann Sebastian Bach, che Bahrami affronta con il rispetto e la sensibilità cosmopolita della quale è intrisa la sua cultura e la sua formazione. Le influenze tedesche, russe, turche e naturalmente persiane che hanno caratterizzato la sua infanzia gli permettono di accostarsi alla musica di Bach esaltandone il senso di universalità che la caratterizza. I suoi CD sono dei best seller e riscuotono sempre molto successo di pubblico e di critica tanto da indurre il Corriere della Sera a dedicargli una collana apposita per 13 settimane consecutive. È entrato cinque volte nella classifica “top 100” dei dischi più venduti pop di Gfk, inoltre ben 5 dei suoi  CD sono stati inseriti nel monumentale progetto “Bach 333 – The New Complete Edition” realizzato da Decca e Deutsche Grammophon, accanto ad alcune leggende pianistiche come Alfred Brendel, Martha Argerich, Sviatoslav Richter, Rosalyn Tureck, Glenn Gould.  Ramin Bahrami, Il 9 agosto 2023 è stato il protagonista indiscusso del grande concerto che ha dato il via ai festeggiamenti per l’ 850° anniversario della Torre di Pisa. Recentemente  ha ricevuto la medaglia Teresina dell’Università di Pavia istituita dalla regina Maria Teresa D’ Austria, inoltre è stato insignito del titolo di Accademico d’ Onore all’Accademia delle Arti e del Disegno di Firenze, la più antica accademia d’arte nel mondo che ha avuto come primo accademico Michelangelo Buonarroti. Ramin Bahrami oltre ad esibirsi in concerti in tutto il mondo, ha scritto numerosi libri per Mondadori, Bompiani e La Nave di Teseo.

***

Stefano Valanzuolo

Stefano Valanzuolo, critico musicale del quotidiano Il Mattino, collabora regolarmente con Radio3 come conduttore e autore dei programmi Radio3 Suite e WikiMusic e dirige la rivista di spettacolo Live – Performing & Arts. È Direttore artistico dell’Associazione “Maggio della Musica” di Napoli, dopo essere stato per sette anni Direttore generale e artistico del Ravello Festival e, nel 2016, Direttore artistico dell’Arena Flegrea. I suoi numerosi testi teatrali – interpretati, diretti e musicati da Claudia Gerini, Rocco Papaleo, Michele Riondino, Mariano Rigillo, Marisa Laurito, Vincenzo Pirrotta, Davide Livermore, Alessandro Haber, Iaia Forte, Giovanni Esposito, Cristina Donadio, Paolo Cresta, Sarah Jane Morris, Roberto Molinelli, Orchestra Haydn, Solis String Quartet, Francesco Nicolosi, Ramin Bahrami, Erica Piccotti – sono stati rappresentati in contesti prestigiosi: Biennale Teatro di Venezia, Ravenna Festival, Campania Teatro Festival Italia, Festival Pergolesi Spontini, Teatro Coccia di Novara, Emilia Romagna Festival, Teatro Pavarotti di Modena, Amici della Musica di Palermo, Serate Musicali di Milano, Auditorium “Arvedi” di Cremona. È autore del libretto dell’opera “Il labbro della Lady” e del melologo “Il convitato delle ultime feste”, con musiche di Carlo Galante. Ha firmato soggetto e drammaturgia di “Alienati”, prima opera smart working italiana, dell’opera zapping “Tutto in una notte” e il libretto dell’opera “Un bullo in maschera” (musica di Federico Gon), in scena al “Verdi” di Trieste. Già titolare dei corsi di “Organizzazione dello Spettacolo” e “Tecniche di Comunicazione” al Conservatorio di Benevento, oltre che docente nell’ambito del Master in “Management e Comunicazione delle Imprese Culturali” del Conservatorio di Napoli.